Corriere Canadese

Sport

12tfcsognorecordL’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato

di Leonardo N. Molinelli

TORONTO - Una stagione da record che resterà comunque nella storia di questa città. Toronto Fc sta regalando qualcosa di mai visto nella sua breve vita sportiva: una stagione da leader. Dopo il successo di sabato sera a Chicago infatti i Reds hanno riconquistato la prima posizione in classifica, dissipando i dubbi e i timori venuti a galla dopo la sconfitta interna di fine agosto contro Montréal.

Neanche l’infortunio di Giovinco, per il quale non ci sono ancora certezze sui tempi di recupero, ha fermato Tfc dalla sua rincorsa alla testa della Eastern Conference. Anzi, pur senza il suo giocatore simbolo, i ragazzi di Greg Vanney hanno battuto Chicago guidati da un Jozy Altidore sempre più decisivo. Il centravanti americano, criticatissimo dopo un inizio di stagione più che deludente, dopo il lungo infortunio ha segnato ben sei gol in nove partite diventando il punto di riferimento della squadra.

Solida anche la difesa, che con 29 gol subiti è nettamente la migliore dell’Est ed è seconda solo a quella di Colorado (24 gol). Un aspetto che conferma la regola base del calcio a qualunque latitudine: una squadra vincente si costruisce dalla difesa.

Adesso i Reds sono primi in classifica nella Eastern Conference con 46 punti in 28 partite. Hanno due punti di vantaggio e una partita in meno dei New York City di Andrea Pirlo e Frank Lampard con un vantaggio di 13 punti sulla settima in classifica e nelle prossime sei partite si giocheranno la possibilità di vincere la propria Conference e qualificarsi direttamente ai playoff saltando lo spareggio (che lo scorso anno si rivelò fatale in quel di Montréal).

Con sei partite da giocare inoltre, ai Reds bastano tre punti per eguagliare il record assoluto di punti in una stagione (49) che avevano stabilito lo scorso anno. Ma i record non finiscono qui.

Le sei vittorie ottenute in trasferta in questa stagione sono un altro record assoluto per la squadra torontina e resta ancora da giocare la trasferta di Montréal del prossimo 16 ottobre. I Reds hanno ottenuto 22 dei 46 punti conquistati finora in trasferta, abbattendo il record di 17 ottenuto nel 2014. Anche la media punti tenuta finora (1.64 a partita) è la più alta mai avuta dalla squadra, il cui record era l’1.44 ottenuto lo scorso anno. In casa Giovinco e compagni viaggiano a una media di punti a partita (eguagliato il record dl 2015) mentre in trasferta si cala a 1.38 (altro record).

Più di tutti questi dati però, a colpire è la solidità e la sicurezza trasmesse dalla squadra. Una sensazione mai avvertita neanche lo scorso anno, quando fu soprattutto Giovinco a tirare la carretta. Adesso invece la squadra è più omogenea e compatta. Irwin, Moor, Will Johnson hanno portato esperienza e affidabilità. Non era difficile fare meglio dei nove tragici anni precedenti, questo è vero. Ma stavolta stiamo assistendo a qualcosa di unico. Una squadra di Toronto che potrebbe davvero competere per un titolo.

(Mercoledì 14 settembre 2016)

Scarica "L’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato"

13coppaEcco la Coppa del Mondo, Team Canada favorito

di Nicola Sparano

TORONTO - Ci siamo. Sabato torna il grande hockey. Lo sport del disco, infatti, rilancia la Coppa del Mondo nella speranza che la competizione sul ghiaccio diventi un appuntamento importante sulla falsariga del mondiale di calcio.
Era da ben 12 anni (2004) che la coppa del mondo non veniva disputata ed in occasione del ritorno saranno presenti 6 nazionali e due selezioni all-star.

Il torneo si disputa interamente a Toronto, tutta nella “casa” dei Maple Leafs,  l’Air Canada Centre.

Le squadre che prenderanno parte al torneo sono otto: Canada, Stati Uniti, Russia, Svezia, Finlandia, Repubblica Ceca, Resto d’Europa e un Team misto composto dai migliori under 23 del continente nordamericano.

La World Cup of Hockey non dev’essere confusa con gli annuali campionati mondiali organizzati dalla federazione internazionale fin dal 1930. Infatti la World Cup of Hockey è organizzata dalla NHL.

La prima edizione si è tenuta nel 1996. In quella occasione il team statunitense sconfisse in finale il Canada.

Nella seconda edizione (2004) il Canada conquistò invece il titolo, a scapito della Repubblica Ceca in semifinale, e della Finlandia in finale.

Il Canada parte con i favori del pronostico, sia perché gioca in casa sia perché la compagine affidata al coach dei Maple Leafs, Mike Babcock, sembra essere più attrezzate delle altre avendo nella sua rosa ben 13 elementi vincitori dell’oro olimpico del 2014.

Sidney Crosby guiderà l’armata della favorita alla vittoria finale, un team che potrà contare sulle presenze carismatiche di Jonathan Toews, Ryan Getzlaf, Patrice Bergeron e Shea Weber.

Importante citare anche il capitano dei Tampa Bay Lightning, Steven Stamkos e quello dei New York Islanders, John Tavares. Oltre a Weber in difesa spuntano i nomi di Drew Doughty e Brent Burns mentre in porta i riflettori saranno tutti puntati sul goalie dei Montreal Canadiens, Carey Price, per capire se il ragazzo ha recuperato pienamente dall’infortunio che gli ha fatto saltare 3/4 della stagione regolare.

Ecco Team Canada
Attaccanti:
Prima linea
Logan Couture - Sidney Crosby - Tyler Seguin
Seconda linea
Steven Stamkos - John Tavares - Matt Duchene
Terza linea
Corey Perry - Jonathan Toews - Ryan Getzlaf
Quarta linea
Patrice Bergeron - Joe Thornton - Claude Giroux
Difensori:
Prima linea
Shea Weber - Drew Doughty
Seconda linea
Alex Pietrangelo - Brent Burns
Terza linea
Jay Bouwmeester - Marc-Edouard Vlasic
Portieri:
Titolare: Carey Price
Backup: Braden Holtby
A disposizione: Brad Marchand (attaccante), Jake Muzzin (difensore) e Corey Crawford (portiere)

(Martedì 13 settembre 2016)

Scarica "Ecco la Coppa del Mondo, Team Canada favorito"

10juveSassuolo primo test duro per la mega Juventus

di Nicola Sparano

TORONTO - La prima vittoria, e la prima sconfitta, di Ventura nelle vesti di Ct della Nazionale sono in archivio e la prima pagina del calcio torna alla Serie A con la terza giornata che precede il primo assaggio in Champions per Juve e Napoli.

Sarà un weekend tutto da seguire in serie A: si torna a giocare con gli orari invernali, alle 12.30, alle 15 e alle 2.45 in Italia, corrispondenti alle 6.30 del mattino, alle 9 sempre del mattino e alla 2.45 del pomeriggio in Canada.

La terza giornata è divisa con la solita forma a spezzatino, due anticipi il sabato (Juventus-Sassuolo e Palermo-Napoli), un posticipo lunedì (Empoli-Crotone), e domenica tutte le altre.

Chiaramente c’è grande attesa tra i tifosi che cercheranno di capire di che pasta sono veramente fatte le squadre alle quali tengono. La tifoseria bianconera aspetta di vedere se domani a mezzogiorno (ora di Toronto, diretta tv) sarà la prima volta che Higuian ballerà dal primo minuto il tango con Dybala, se Pjanic ha i numeri per non far rimpiangere Pogba, se la super-corazzata di Allegri centrerà i suoi due obiettivi dichiarati, scudetto numero 6 di fila e Champions. L’altra Italia, quella che vede la Juve come il fumo negli occhi, spera di avere dal Sassuolo la prova che anche le squadre imbattibili possono essere battute.

Il Napoli scenderà in campo due ore dopo la squadra alla quale si pone come alternativa allo scudetto.

Sarri, le cui partenze in azzurro sembrano avere il freno a mano tirato, propone la stessa squadra che ha rifilato al Milan quattro gol, due dei quali con la firma di Milik, colui che dovrebbe cancellare Higuain dal cuore del napoletani. Il Napoli va a Palermo contro una squadra rifatta da capo a piedi da Zamparini. Il neo allenatore De Zerbi non potrà essere in panchina per una vecchia squalifica.

Juventus-Sassuolo (arbitro Di Bello): i bianconeri sono ovviamente favoriti dai pronostici per la conquista del terzo successo di fila, anche perché tra gli ospiti mancherà l’uomo migliore, vale a dire Berardi.

Palermo-Napoli (arbitro Massa): in settimana i siciliani hanno cambiato guida tecnica e l’esordio per De Zerbi non sarà dei più semplici, visto che al Barbera arriva un Napoli che punta dritto al successo esterno.

Bologna-Cagliari ( arbitro Abisso): punti preziosi in palio, con gli emiliani che dovranno fare di tutto per conquistare un risultato positivo.

Atalanta-Torino (arbitro Mariani): si affrontano due squadre che amano giocare a viso aperto, senza particolari tatticismi. Per questo motivo è lecito attendersi una partita con almeno un gol per parte.

Chievo-Lazio (arbitro Orsato): segnare al Chievo non è mai impresa semplice, e anche se la Lazio ha ottimi attaccanti, si prevede una partita molto equilibrata.

Genoa-Fiorentina (arbitro Banti): anche in questa sfida è lecito attendersi almeno una rete per parte. Il Genoa è partito fortissimo in questo campionato, i viola però hanno le carte in regola per fare risultato.

Milan-Udinese (arbitro Calvarese): i rossoneri di Montella si aggrappano al loro uomo migliore, Bacca, per riuscire a mettere al tappeto i friulani.

Roma-Sampdoria (arbitro Giacomelli): una partita molto insidiosa per i giallorossi, favoriti dai pronostici, contro una Samp che con i suoi attaccanti può mettere in affanno la difesa di Spalletti.

Pescara-Inter (arbitro Damato): non una trasferta semplice per l’Inter, fin qui davvero deludente. In questa terza giornata i nerazzurri devono per forza di cose trovare un successo, ma battere il Pescara non sarà facile.

Empoli-Crotone (arbitro Valeri): entrambe le squadre sono ancora ferme a quota zero punti e hanno bisogno di un risultato positivo.

(Venerdì 9 settembre 2016)

Scarica "Sassuolo primo test duro per la mega Juventus"

12mondialeCanada ancora fuori dal mondiale

di Nicola Sparano

TORONTO - Il tentativo di corruzione denunciato dai giocato di El Salvador ha fatto passare in secondo piano il fatto che, ancora una volta, il Canada non arriverà al mondiale di calcio. La prima e ultima volta che il Canada partecipò al mondiale fu nel 1986, quando perse, senza segnare un gol, tutte e tre le partite della fase iniziale.

Da allora, delusioni a catena, eliminazioni contro avversarie che sulla carta sarebbero state abbordabili.

Alla base dei problemi del Canada c’è la mancanza di una struttura calcistica che dia modo ai giovani di crescere qualitativamente.

La Federazione canadese, dal suo “castello” di Ottawa, non ha mai avuto un sistema, un piano, un qualcosa che fosse in grado di chiudere il gap con il calcio vero. La CSA affida alle federazioni regionali che a loro volta, non avendo tecnici veramente tecnici, puntano sulla quantità e non la qualità. La Mls, il campionato professionistico, aiuta relativamente. Toronto Fc, Montreal Impact e Vancouver utilizzano a singhiozzo giocatori canadesi i quali, inoltre, in nazionale ci vanno malvolentieri visto che è tempo perduto.

Per quanto riguarda il premio a vincere rifiutato dai salvadoregni, sembra strano che il corruttore si sia esposto per aggiustare un risultato che sarebbe stato ininfluente, come lo è stato, perché l’Hunduras era in una botte di ferro. Perché per essere superato dal Canada si dovevano verificare tre cose: che il Canada battesse El Salvador e che lo stesso Handuras perdesse con il Messico un punteggio tale da annullare la differenza reti, che era di più 5.

Il Canada ha poi vinto per 3-1, l’Honduras ha pareggiato 0-0. Così Messico e Honduras vanno al girone finale aggiudicarsi i posti Concacaf per Russia 2018, mentre il Canada resta a casa.

(Giovedì 8 settembre 2016)

Scarica "Canada ancora fuori dal mondiale"

azzurriHAIFA - Gli azzurri di Giampiero Ventura partono con il piede giusto e conquistano contro Israele i primi tre punti nella loro rincorsa al mondiale russo del 2018. Ventura conferma il 3-5-2 che ha perso nell’amichevole di Bari contro la Francia ma cambia alcuni interpreti: Belotti e De Rossi sono ritornati a casa a causa di problemi fi sici mentre torna disponibile Bonucci. Sugli esterni largo a Candreva e Antonelli. Chance per Verratti nel ruolo di playmaker.